Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘buttiglione’

BUTTIGLIONE: “Povero Berlusconi…”. Il presidente dell’Udc Rocco Buttiglione commenta con un battuta i primi exit poll che danno il suo partito attorno al 5,5,%. “La campagna di annientamento messa in atto contro di noi- spiega- e’ fallita e cosi’ Berlusconi ha messo in forse una vittoria sicura. Ora- conclude non sara’ facile venire fuori da questa situazione difficile e governare”.

ROMANO: “Se questi dati saranno confermati Lombardo è eletto presidente della Regione ma ora deve augurarsi un grande successo dell’Udc”. Lo ha detto Saverio Romano, segretario dell’Udc siciliana, commentando dalla sede del partito i primi exit-poll delle elezioni regionali siciliane dove il suo partito sostiene insieme al Popolo delle Libertà, Raffaele Lombardo. “Se cosí stanno le cose a livello nazionale – ha ragionato Romano – con Berlusconi che vince ma fortemente condizionato dalla Lega, in Sicilia Lombardo avrà bisogno del sostegno non solo elettorale ma anche politico dell’Udc. Ritengo quindi che in Sicilia l’Udc sia determinante”.

ADORNATO: Si respira ottimismo nella sede dell’Udc di via Due Macelli, dove lo stato maggiore del partito e’ riunito per attendere i primi dati del voto. Il clima e’ d’attesa e delle grandi occasioni. Sono gia’ giunte nel primo pomeriggio le principali emittenti televisive e radiofoniche e giornalisti. Dopo i primi exit poll che danno il partito di Casini in una forchetta tra il 4,5 e il 6,5%, il primo a commentare e’ stato Ferdinando Adornato mentre riuniti in segreteria sono Lorenzo Cesa, Rocco Buttiglione e Francesco D’Onofrio. ‘E’ fallita la campagna d’annullamento contro di noi – commenta Adornato – e in molte regioni per il Senato supereremo l’8%’. Con la cautela del caso, in presenza di exit poll nella sede centrista si commenta anche il 34% che avrebbe raggiunto il Pdl: ‘Sarebbe la sconfitta politica di Berlusconi e di quel processo partito da piazza San Babila’. ‘Se poi saranno confermati i dati e Berlusconi avra’ il governo del Paese questo sara’ in mano alla Lega. Un dato che noi abbiamo denunciato da tempo – dice Adornato – e che rappresenta un problema politico. Visti i dati che abbiamo bisognera’ vedere se ci sara’ un governo chiaro del Paese. Anche su questo noi ci siamo gia’ pronunciati e riteniamo che l’Italia abbia bisogno della concordia di tutti per ricostruire un paese che e’ stato lasciato senza governo per troppi anni’.

 

Read Full Post »

Domani Giovedì 10 aprile, alle ore 16.30, il presidente dell’UDC Rocco Buttiglione sarà a Torino per una conferenza stampa in Via Santa Teresa, 17, alle 18.00 parteciperà ad Asti ad un incontro con il mondo cattolico, presso l’Oasi dell’Immacolata in Via Ugo Foscolo, 21 e alle ore 20.30 interverrà a Cuneo ad un incontro pubblico, presso il Centro Incontri della Provincia in Corso Dante, 41.

FONTE: http://www.noipress.it

Read Full Post »

(DIRE) Roma, 12 mar. – “Il movimento di oggi e’ anche piu’ forte del ’68, deve affrontare la politica. Noi ci candidiamo per questo”. Ospite oggi di Francesco Cundari su Nessuno TV ai microfoni di ‘Dodici e 45′, Rocco Buttiglione, esponente dell’Udc, parla di family day e di contro-68. “Un milione e mezzo di persone- spiega riferendosi alla manifestazione che si e’ svolta a piazza San Giovanni lo scorso anno- che andavano a raccontare la gioia di una positivita’ vissuta, una felicita’ possibile”. Un popolo “che e’ il risultato di grandi movimenti che senza soldi, ma sulla base di un’intuizione di fede vissuta si e’ raccolto per sottolineare la propria esistenza”. La riserva di energia morale per cambiare l’Italia e’ li’, aggiunge Buttiglione, “la riserva a cui attingere per bloccare il declino del Paese e’ li, e noi ci candidiamo per offrire a questo popolo, laicamente e liberamente, una rappresentanza politica perche’ ci sentiamo parte di questo popolo. Questa e’ la vera scommessa per il futuro del Paese”. Questo popolo “vota senza entusiasmo e spera in una novita’, quel giorno sentii una elettricita’ che mi ricordo’ Piazza della Vittoria a Varsavia, quando Giovanni Paolo II disse che non era possibile leggere la storia della Polonia (noi potremmo dire dell’Italia) senza considerare l’essenziale unita’ di misura che e’ l’identita’ cristiana”. Ecco, conclude Buttiglione, “io sento nell’aria un’elettricita’ simile, poi li’ nacque Solidarnosc e noi dobbiamo, dopo le elezioni, aprire un processo costituente che aiuti questo popolo a diventare protagonista, un sindacalista c’e’ anche oggi ed e’ Savino Pezzotta”.

Read Full Post »

Domani 7 marzo alle 11, la lista Unione di Centro che candida Pier Ferdinando Casini premier, presentera’ il suo programma elettorale alla presenza dei vertici di Udc e Rosa bianca. L’appuntamento e’ a Roma al Palazzo Confcooperative in via Torino, 146. Lo rende noto un comunicato. Nel giorno in cui il candidato premier Pier Ferdinando Casini presenta il programma dell’Unione di Centro, nata dall’accordo fra Udc e Rosa Bianca, sara’ ospite di Ritanna Armeni e Lanfranco Pace a “Otto e mezzo” in onda domani, venerdi’ 7 marzo, su La7 alle 20.30. In collegamento da Milano, Vittorio Feltri, direttore di “Libero”.

Read Full Post »

Sabato 1 marzo alle ore 16.30 a Roma nell’Auditorium della Conciliazione, il candidato premier Pier Ferdinando Casini aprira’ ufficialmente la campagna elettorale nazionale dell’UDC, alla presenza del Segretario Nazionale, Lorenzo Cesa e del Presidente Rocco Buttiglione.

casini_premier1.jpg

Read Full Post »

“Viene il dubbio che Berlusconi e Veltroni siano d’accordo, perché se sono già d’accordo nello svuotare la par condicio e nel non accettare confronti, allora vuol dire che domani saranno d’accordo, dopo questa finta campagna elettorale, per fare un Governo insieme”.

Lo ha detto Pier Ferdinando Casini, leader dell’Udc, durante la registrazione dello speciale Tg1 che lo ha visto confrontarsi in un faccia a faccia con Fausto Bertinotti. “La Rai — ha aggiunto Casini — si è adagiata sulle regole che i grandi hanno dato. La par condicio viene svuotata. La sinistra politica, Veltroni in primo luogo, sulla par condicio hanno fatto una questione di vita e di morte”.

  gli-sposi.jpg

Read Full Post »

“Non vogliamo rifare la Dc, non ho nulla da aggiungere a quello che ha detto Tabacci.

Lo condivido al 100%”. Così il leader dell’Udc, Pier Ferdinando Casini, riguardo alla possibile ipotesi di un grande centro in risposta alla domanda del direttore del Tg1, Gianni Riotta, nel corso dello speciale Tg che ha visto protagonisti in un faccia a faccia lo stesso Casini e il leader della Sinistra Arcobaleno, Fausto Bertinotti. Riguardo al potenziale bacino elettorale dell’Udc, Pier Ferdinando Casini ha affermato: “Guai a pensare che i nostri elettori siano solo cattolici. I cattolici votano tutti gli schieramenti. Non ci vergognamo — aggiunge Casini — di difendere l’identità cristiana dell’Italia senza farne un’esibizione clericale”.

Read Full Post »

Older Posts »